Ripubblicizzazione AQP in commissione. Soddisfazione Amati.

“Mi compiaccio per il notevole avanzamento che questa mattina in commissione ha compiuto il disegno di legge sulla ripubblicizzazione di Acquedotto Pugliese, ottenuto grazie al compatto lavoro dei consiglieri di maggioranza e all’abbandono della strategia ostruzionistica sino ad oggi portata avanti dai consiglieri di opposizione”.

Lo ha detto l’assessore regionale alle Opere pubbliche e Protezione civile Fabiano Amati, a margine della riunione delle commissioni consiliari competenti che hanno approvato tutti gli articoli del disegno di legge sulla ripubblicizazzione di AQP, riservandosi il voto finale per il prossimo 18 maggio, per poi approdare con il parere della commissione bilancio al Consiglio regionale.

 

“La serietà del lavoro che tutti i gruppi consiliari stanno svolgendo – ha continuato Amati – e’ inoltre dato dalla circostanza che le differenze di valutazione non sono rappresentate a mezzo di tattica politica peraltro incomprensibile, come molto spesso accade, ma declinate con chiarezza e determinazione attorno ad un punto: la maggioranza portatrice dell’interesse a conservare la gestione pubblica dell’acqua e la minoranza sostenitrice della gestione affidata ai privati. E’ su questa radicale ed inconciliabile divaricazione che con molta passione si sta sviluppando il dibattito e per tale chiarezza senza infingimenti mi sento di ringraziare tutti.

 

Per parte nostra sappiamo che il nostro convincimento interpreta il punto di vista della maggioranza degli italiani, che non paiono disponibili a consentire lo svilimento della natura pubblica dell’acqua a mezzo della gestione privata, ed anzi si manifestano convinti ad equiparare ad atti di terrorismo qualsiasi iniziativa diversa sul creato e sulle risorse naturali, anche nel lessico confortati dall’autorevole lettera per la giornata mondiale della pace 2010 scritta sul tema da Papa Benedetto XVI.

Per il futuro – ha concluso l’assessore – spero che il cammino che ancora dobbiamo compiere determini in molti la decisione di unirsi con le parole e i voti alla attuale maggioranza di governo”.

 

 

Data: Mar, 03 Maggio 2011 @ 14:31

Close