Rassegna stampa 8/05/2015


OSSERVATORIOGGI.IT


Interessante approfondimento su ‘Garanzia Giovani’ al Comitato di Fabiano Amati


FASANO – Se ne sente parlare da un po’ di tempo eppure occorre fare chiarezza sui passi da seguire per poterne beneficiare. Stiamo parlando di Garanzia Giovani (Youth Guarantee) ovvero il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile. Per i Paesi Membri con tassi di disoccupazione superiori al 25%, infatti, l’Unione Europea ha stanziato deiFINANZIAMENTI a beneficio dei giovani, tra i 15 e i 29 anni e residenti in Italia, che non sono impegnati in un’attività lavorativa, né inseriti in un percorso scolastico o formativo (definiti con la parola “Neet” – Not in Education, Employment or Training).

 

Allo scopo di approfondire il programma Garanzia Giovani in modo concreto, nel pomeriggio di ieri (giovedì 7 maggio), il Comitato Elettorale di Fabiano Amati ha ospitato un incontro informativo. A spiegare in modo dettagliato ogni elemento dell’iniziativa sono stati due professionisti diSETTORE,  Michele Carriero, esperto programmazione fondi Ue, e Stefano Maviglio dell’Ats Noneet. L’appuntamento, introdotto da Pierfrancesco Palmariggi ha visto anche l’intervento del consigliere regionale Fabiano Amati. Tanti i presenti che hanno voluto fare chiarezza sull’articolato progetto.

 

In sintesi, il programma Garanzia Giovani offre opportunità di orientamento, formazione e inserimento nel mondo del lavoro dei giovani inoccupati servendosi della sinergia tra ilSETTORE pubblico e quello privato. Le misure previste comprendono una prima fase informativa di accoglienza, presso uno sportello regionale, quindi la fase di orientamento che consiste in un colloquio individuale con un operatore che individua un percorso personalizzato per il candidato: in base alle caratteristiche personali, formative e professionali sarà suggerito di proseguire la formazione, iniziare un tirocinio o un’attività lavorativa. La formazione può essere mirata all’inserimento lavorativo, con l’acquisizione di competenze professionali sul campo, oppure consentire il reinserimento formativo dei giovani tra i 15 e i 19 anni.

 

L’accompagnamento al lavoro, invece, si occupa di sostenere la realizzazione di un’esperienza lavorativa o di un contratto di apprendistato, garantisce anche un supporto nella ricerca attiva del lavoro e nella definizione di un progetto professionale. I ragazzi, quindi, possono intraprendere attività di apprendistato, tirocinio o servizio civile, quest’ultimo tramite apposito bando regionale. Viene fornita anche assistenza personalizzata per progetti di autoimprenditorialità che, se giudicati positivamente, potranno ricevere un sostegno economico; si favorisce infine anche la mobilità lavorativa in altre regioni d’Italia o in Paesi d’Europa. Il programma Garanzia Giovani prevede anche agevolazioni per le imprese che assumono con diminuzioni del costo del lavoro per specifiche tipologie contrattuali, in modo da supportare eco­no­mi­camente l’ingresso e la stabilizzazione nelMERCATO del lavoro.

 

Ai giovani disoccupati non rimane che approfondire il programma facendo attenzione ad ogni singolo passaggio del percorso, per poi iniziare la tanto agognata esperienza lavorativa. Le informazioni possono essere reperite al sito http://www.ga­ranziagiovani.gov.it.

 

Close