Incrociare esigenze Pptr con Piano casa e norme su condoni edilizi

pptr1

pptr1“La riunione odierna della Commissione sul Piano paesaggistico, prima dell’annunciata riadozione, mi ha permesso di richiedere l’introduzione di altri elementi di chiarezza e precisazione normativa, accolti dal Governo regionale. Accanto all’eliminazione delle norme di salvaguardia sugli ‘ulteriori contesti’, all’introduzione di regole modificate sul regime transitorio e alla maggiore celerità del procedimento di correzione di errate localizzazioni, il nuovo testo delle norme tecniche di attuazione dovrebbe contenere regole e precisazioni utili all’applicazione più armoniosa e condivisa del Piano.”

Lo dichiara il Consigliere regionale Fabiano Amati, commentando l’esito della riunione della V Commissione sul Piano paesaggistico, svoltasi oggi.

“Tra le proposte accolte oggi dal Governo regionale, detto riassuntivamente, vi è il riconoscimento del lavoro di adeguamento dei piani comunali al vecchio PUTT svolto dalla maggior parte dei comuni pugliesi, avvenuto per esplicito attestato di coerenza o per silenzio-assenso. Vi è stato, inoltre, l’impegno a considerare le necessità di adeguamento e coordinamento delle quantità volumetriche previste dal PPTR con quelle del ‘Piano casa’, oltre che di riconoscere i problemi che il PPTR potrebbe determinare, se non interverrà un apposito chiarimento, sulla definizione delle molteplici pratiche di condono edilizio che oggi ancora pendono presso gli uffici tecnici dei comuni. Su questi ultimi punti, l’Assessore Barbanente ha assicurato un rapido approfondimento e l’emanazione di una nuova circolare amministrativa in grado di incrociare le esigenze del PPTR con le prescrizioni sovraordinate contenute nelle leggi, come quelle sul ‘Piano caso’ e sui condoni edilizi.”

Close