Emergenza incendi. Riepilogo 10 Luglio.

Protezione civile: spenti incendi a San Giovanni Rotondo
I due incendi divampati a San Giovanni Rotondo, il primo in località “Mila” ed il secondo in località “Sala Azzurra”, sono stati spenti. Lo ha reso noto l’assessore regionale alla Protezione Civile Fabiano Amati.
In particolare – ha spiegato Amati – in località Mila sono stati distrutti circa 20 ettari tra sterpaglie e bosco (5 di sterpaglie e 15 di bosco), ma fortunatamente le squadre sul campo sono riuscite a mettere subito in sicurezza la struttura che ospita persone non vedenti che si trova proprio nelle vicinanze della zona dove è divampato l’incendio. Sul posto sono intervenuti
due Fire boss da Foggia, un canadair da Ciampino ed un elicottero “Ericson S64”, che hanno eseguito 26 lanci d’acqua e hanno lavorato con squadre di volontari, Corpo forestale dello stato, Vigili del fuoco, Servizio foreste, Polizia municipale e Carabinieri. Per quanto riguarda l’altra località del Comune di San Giovanni Rotondo colpita da un incendio, “Sala Azzurra”, l’assessore alla Protezione civile ha assicurato che l’incendio è stato spento anche se le operazioni di binifica sono ancora in corso. In tutto le fiamme hanno bruciato 2 ettari di bosco e 13 di incolto.Sul posto hanno lavorato oltre 40 uomini tra volontari di Protezione civile regionale e del Piemonte, Vigili del fuoco, Corpo forestale dello stato e servizio foreste, oltre ad un canadair e un elicottero “Ericson S64”, che hanno eseguito in totale 29 lanci d’acqua.

Ancora incendi a San Giovanni R. e a Lucera
Un altro incendio è divampato poco fa a San Giovanni Rotondo (FG), in località
“Sala Azzurra”. Lo rende noto l’assessore regionale alla Protezione civile
Fabiano Amati, rassicurando che sul posto stanno già lavorando oltre 40 uomini
tra volontari di Protezione civile regionale e del Piemonte, Vigili del fuoco,
Corpo forestale dello stato e servizio foreste. Stanno inoltre arrivando sul
luogo dell’incendio un canadair e un elicottero “Ericson S64”. La Sala
operativa permanente della Protezione civile regionale pugliese sta coordinando
operazioni di intervento anche a Lucera (FG) dove già da questa mattina, a
causa di un incendio divampato intorno alle 14,00, Vigili del fuoco e volontari
stanno operando. In zona sta arrivano ora anche un canadair in supporto alle
attività delle squadre già presenti sul posto – ha spiegato l’assessore alla
Protezione civile Fabiano Amati – Sono giunte anche squadre del Servizio
foreste, Aib regionale e Corpo forestale dello stato. Le operazioni di
spegnimento dell’incendio – ha detto Amati – sono particolarmente difficoltose
poichè la zona è molto impervia e difficilmente raggiungibile con tutti i mezzi
necessari.

Ancora roghi sul Gargano
Un incendio è divampato poco fa a San Giovanni Rotondo (FG), in località Mila,
a poche centinaia di metri da una struttura che ospita persone non vedenti. Sul
posto – assicura l’assessore alla Protezione civile Fabiano Amati – stanno
arrivando due Fire boss da Foggia che lavoreranno con squadre di volontari,
Corpo forestale dello stato, Vigili del fuoco, Servizio foreste, Polizia
municipale e Carabinieri che si trovano già sul luogo dell’incendio.

Emergenza idrica Statte: interviene la Protezione civile
Un’ autobotte sta raggiungendo il comune di Statte (Ta) dove nel quartiere
Monte Sant’Angelo, a causa della rottura di una pompa di sollevamento di un
pozzo artesiano,  160 famiglie sono rimaste senz’acqua. Lo assicura l’assessore
regionale alla Protezione civile Fabiano Amati, che ha spiegato che  la Sala
Operativa Permanente della Protezione civile regionale pugliese sta
supportando, insieme con i Vigili del fuoco, le attività di intervento per
gestire l’emergenza idrica. L’autobotte che sta raggiungendo Statte – spiega
Amati – ha una portata di 8 mila litri ed è certamente sufficiente per
tamponare lo stato di emergenza.

Protezione civile: spento incendio Statte
Si sono concluse all’alba le operazioni di bonifica della  località Gravinaa
di Leucaspide, a Statte (TA), dove ieri pomeriggio è divampato un incendio che
è stato ora definitivamente spento. Lo rende noto l’assessore alla Protezione
civile Fabiano Amati, rassicurando che anche la masseria abitata che si trova
in prossimità del luogo dove è divampato l’incendio è  completamente al sicuro
e non ha subito danni. Le fiamme hanno distrutto 25 ettari tra pineta e macchia
mediterranea. I sette velivoli giunti sul posto (un Ericsson s64, due canadair
e 4 fire boss) hanno eseguito in tutto oltre 126 lanci d’acqua fino a tarda
sera per spegnere l’incendio
che ha visto impegnate anche numerose squadre di Vigili del fuoco, Volontari,
servizio foreste, Corpo forestale dello stato, oltre ai Carabinieri e la
polizia municipale del posto.  “Si è trattato di un intervento non semplice –
fa sapere Amati – soprattutto
se si considera che nel corso di tutta la giornata la Sala Operativa
permanente della Protezione civile regionale pugliese ha dovuto gestire un
numero elevatissimo di incendi in tutta la regione.

Close