Assessore Amati – verso la soluzione la vicenda relativa all’impianto di depurazione di Carovigno

Con riferimento all’assunzione in gestione da parte di Acquedotto Pugliese della condotta che convoglia i reflui dell’abitato di San Vito dei Normanni all’impianto consortile di Carovigno, L’Aato Puglia garantirà la copertura finanziaria dell’intervento di sostituzione dei 600 mt di condotta realizzati in materiale pvc; inoltre, l’impianto di sollevamento dei reflui di San Vito dei Normanni al depuratore di Carovigno potrebbe essere realizzato con economie provenienti da gare di interventi già finanziati dalla struttura commissariale.  

Sono questi gli esiti dell’incontro che si è svolto ieri presso la sede dell’Aato Puglia allo scopo di definire un percorso condiviso con Regione Puglia, Aqp e Comuni coinvolti, finalizzato alla chiusura dello schema di collettamento dei reflui di San Vito dei Normanni e San Michele Salentino al depuratore consortile di Carovigno e che sono stati resi noti dall’assessore regionale alle Opere Pubbliche Fabiano Amati.

In particolare, per quanto riguarda il collettamento dei reflui del comune di San Vito a Carovigno, si è ritenuta necessaria la sostituzione del materiale pvc con un altro maggiormente idoneo; l’opera sarà realizzata da Aqp con fondi provenienti dalla tariffa gestita dall’Aato.

Si è  inoltre resa necessaria la realizzazione di un impianto di sollevamento dei reflui di San Vito del valore di € 940.000,00, il cui finanziamento sarà garantito da economie di gare per interventi già precedentemente finanziati.

Close