Amati: semplificare le procedure degli adempimenti per i progetti in zona sismica.

L’assessorato regionale alle Opere pubbliche ha disposto, attraverso la pubblicazione di una circolare (www.regione.puglia.it – area tematica opere pubbliche – temi: lavori pubblici – documenti), una rivisitazione e semplificazione degli adempimenti relativi al deposito di progetti di costruzioni in zona sismica. Lo ha reso noto l’assessore regionale alle Opere pubbliche Fabiano Amati che ha anche sottolineato il grande sforzo fatto dal servizio Lavori pubblici di adeguarsi al D.P.R. n. 380 del 2001 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia). Le nuove disposizioni di semplificazione riguardanti il deposito di progetti di costruzioni in zona sismica seguono le deliberazioni approvate dalla Giunta regionale pugliese lo scorso 3 giugno, contenenti “Disposizioni organizzative in materia di semplificazione amministrativa in merito alle procedure di deposito delle “calcolazioni” relative a progetti riguardanti “opere minori” e chiarimenti interpretativi”. Nello stesso atto, la Giunta modificava anche il percorso amministrativo relativo al deposito di progetti di costruzioni in zona sismica.
Dunque facilitazioni ed alleggerimenti riguarderanno da oggi non solo le cosiddette “opere minori”, ovvero quelle costruzioni che per caratteristiche tecniche, dimensioni o funzioni non comportano pericolo per la pubblica incolumità, che potranno seguire un percorso amministrativo semplificato in merito alle procedure di deposito delle relative verifiche strutturali, ma anche le procedure per il deposito di costruzioni in zona sismica, entrambe oggi gestite dagli Uffici Tecnici (ex Geni Civili) della Regione, ma che dal primo gennaio 2011 passeranno in mano alle Province.
“Le nuove procedure di deposito – ha spiegato l’assessore Amati – alleggeriranno il peso delle incombenze per l’utenza e semplificheranno le procedure e gli adempimenti connessi alla presentazione di questo tipo di progetti. Con questa nuova circolare abbiamo compiuto un ulteriore passo sulla strada della semplificazione, intrapresa già lo scorso 3 giugno con l’approvazione della delibera di Giunta regionale che sarà fondamentale nell’operazione di snellimento di procedure che spesso congelavano inutilmente per mesi i progetti depositati, nonché di alleggerimento delle competenze dei Geni civili”.

Close