Lunedì 07 Maggio 2018 15:38    PDF Stampa E-mail
Fusione nucleare, Amati: “La Regione Puglia ha impugnato la scelta del sito di Frascati”

9857D18C-1633-4AEF-80A9-F6E4E007AB81«Notificato il ricorso della Regione Puglia contro la scelta del sito di Frascati al posto del più titolato di Brindisi - Cittadella della ricerca - per ospitare l'esperimento sulla fusione nucleare, il più grande esperimento in corso in materia di produzione energetica pulita, finalizzato a verificare la possibilità di mettere il sole in una bottiglia».

Lo comunica il presidente della Commissione regionale bilancio Fabiano Amati. 

«Così come annunciato nel corso dell'audizione (23 aprile scorso) in I Commissione del direttore del dipartimento sviluppo economico, Domenico Laforgia e del coordinatore dell'Avvocatura regionale, Rossana Lanza, la Regione Puglia ha impugnato dinanzi al TAR Lazio gli atti di approvazione della graduatoria finale di individuazione del sito per ospitare l'esperimento DTT (Divertor Tokamak Test). 

Come si ricorderà, la Commissione esaminatrice aveva scelto il sito Enea di Frascati e non quello della Cittadella della ricerca di Brindisi, nonostante sull'offerta tecnica e sugli ulteriori requisiti la proposta della Regione Puglia fosse ben più vantaggiosa.
I motivi del ricorso attengono a numerose carenza di requisiti amministrativi rilevati a carico della proposta presentata dalla Regione Lazio, ad un'erronea valutazione del valore economico degli immobili esistenti nel centro di ricerca di Frascati e alla mancanza di neutralità e terzietà della Commissione di valutazione, essendo composta da dipendenti dello stesso centro di ricerche aggiudicatario nonché autori del progetto posto in gara».

 
 83 visitatori online