Mercoledì 11 Aprile 2018 10:22    PDF Stampa E-mail
Vitalizi, Amati: “I Cinquestelle risolvano definitivamente la questione con una legge del Parlamento”

imageUna legge dello Stato “fatta in modo che non vi siano problemi di costituzionalità”, per risolvere definitivamente la questione vitalizi. La proposta è stata esposta oggi in Aula dal consigliere regionale Pd Fabiano Amati, rivolgendosi ai Cinquestelle, perché intervengano sui loro rappresentanti parlamentari a Roma. L’occasione è stata rappresentata dal dibattito sviluppatosi intorno alla proposta (approvata a maggioranza) del presidente Mario Loizzo di reintrodurre il contributo di solidarietà con un prelievo, che sarà applicato per i prossimi due anni sui vitalizi corrisposti ai consiglieri regionali, finalizzato a finanziare con 1 milione e 100 mila euro progetti di ricerca sulle malattie rare.

“Perché noi – ha sottolineato Amati, rivolgendosi ai colleghi del M5S - per quanto voi pensiate che siamo fantastici e possiamo fare tutto, purtroppo siamo una Regione, siamo una cosa piccola nell’ambito dell’ordinamento dello Stato. E, siccome non possiamo intervenire in questa materia, e l’ha già detto la Corte costituzionale, ma ripetute volte, senza princìpi di ragionevolezza e senza temporaneità”.

Amati ha sottolineato che la proposta della presidenza del Consiglio “era una proposta che, al minimo, potesse superare qualche perplessità” e di aspettarsi, trattandosi di una legge regionale, che “qualcuno che percepisca il vitalizio possa convenire in giudizio e sollevare la questione di legittimità costituzionale”.

Pertanto il consigliere Pd ha invitato i colleghi grillini a rivolgersi ai parlamentari del loro movimento. “Perché è insopportabile – ha sottolineato - che noi ogni sei mesi ritorniamo su questo argomento. Se loro lo fanno in fretta, noi non ritorneremo – ha concluso - più su questo argomento”.

 
 31 visitatori online