Mercoledì 04 Aprile 2018 18:28    PDF Stampa E-mail
Fusione nucleare a Frascati. Brindisi seconda nonostante migliore punteggio su requisiti e offerta economica

D4CB669D-D2B8-4D08-BE93-D0F0DBFE7A79
«Sono deluso. Per pochi punti non è toccato alla Cittadella della ricerca di Brindisi ospitare la sede del l’esperimento di fusione nucleare. Siamo arrivati secondi, dopo Frascati, con il punteggio maggiore su tutti i parametri, eccetto sul valore economico degli immobili esistenti».

IMG 7676Lo dichiara Fabiano Amati presidente della Commissione regionale bilancio, commentando la pubblicazione della graduatoria al bando Enea per l’individuazione del sito per l’esperimento di fusione nucleare.

«Pur accettando l’esito del concorso, la vicenda lascia molto amaro in bocca e qualche perplessità perché abbiamo ottenuto lo stesso punteggio di Frascati sui requisiti essenziali (100), un punteggio maggiore sugli ulteriori elementi (100 contro 91), il miglior punteggio sull’offerta economica (5 contro 0) e abbiamo invece perduto (22,49 contro 4,5) sul valore degli immobili attualmente esistenti nell’area offerta. Il valore degli immobili presenti a Frascati ammonta infatti a € 22.489.503,58 mentre quello degli immobili esistenti a Brindisi ammonta a € 4.547.194.
Mi pare di poter dire che nonostante avessimo offerto il sito migliore e la migliore offerta economica, abbiamo gli scarsi investimenti in sviluppo ed infrastrutturazione della Cittadella della ricerca. E francamente non mi sembra un parametro idoneo a frustrare l’aspirazione brindisina a partecipare al più grande signo dell’umanità in campo energetico: riuscire a mettere il sole in una bottiglia».

 
 26 visitatori online